Bentrovati,

ieri sera ho avuto il piacere di bere una bottiglia di LUCE della vite di FRESCOBALDI , senza dubbi un gran bel vino. E voi direte ma che centra con il titolo “TURRIGA” : Niente. Non centra niente, e’ che l’idea di scrivere del Turriga mi e’ venuta ieri sera proprio mentre bevevo il Luce, vino eccellente , forse i tannini sono un po’ troppo sviluppati e  in alcuni momenti sembrava di masticare un carciofo crudo ma rimane comunque un gran bel bere.

 

Il fatto e’ che il sig. LUCE costa circa 70 euro… tanti, tantissimi , troppi. Quando invece bevi il TURRIGA ti scordi di quanto lo hai pagato ; servono  circa 55 euro per acquistarlo , ed ad oggi  e’ il vino piu’ buono che abbia mai bevuto.

E’  la prima volta che scrivo di un vino non Toscano , anche se le parentele non mancano di certo. Il padre creatore del TURRIGA e’ il mitico GIACOMO TACHIS nato in Piemonte, ma re mida  del vino Toscano , inventore del Sassicaia , del Tignanello  (molto peggiorato nelle ultime annate) e del Solaia . Tachis e’ il piu’ grande enologo italiano , un vero e proprio mito.

Nel Turriga si puo’ assaporare tutta la sua classe di chimico del vino ;  il blend e’ composto da vitigni Sardi come Cannonau, (85%) Bovale e Carignano.

Questo vino ha classe da vendere, lunghezza infinita, morbidezza ,eleganza e  tannini equilibrati.

Devo ringraziare o quantomeno citare Alberto Momicchioli , compagno di naja e lettore/autore di questo blog, fu lui a segnalarmelo nell’articolo dove parlavamo dell ‘avvoltore.

Lo conoscevo gia di nome , come Sassicaia di Sardegna , ma non imagginavo un tale innamoramento.

Quindi vi consiglio vivamente di provare questa splendida creatura di Tachis prodotta dalla cantina ARGIOLAS , l’importante e’ che spendiate la cifra giusta,  55/60 euro non di piu’ mi raccomando! Paghiamo il vino con il giusto prezzo.


 

19 risposte su “TURRIGA”

ma su i vini di tachis…qualcosina ci sarebbe da dire….e poi prima di arrivare a bere un vino da quella cifra ce ne sono milioni con un rapporto prezzo/qualità sicuramente migliore….ciao mirko

Ciao Bufa , Tachis ha il grande merito (o demerito dipende dal punto di vista) di aver creato dei vini molto attraenti e poco territoriali . Il sassicaia e’stato il primo grande Bolgheri (e forse il vino italiano piu’ famoso nel mondo) ed e’ composto da cabernet franc e cabernet souvignon , non certo due vitigni nostrani, ma devi ammettere che da li’ e’ partita una vera rivuluzione del vino, soprattutto in toscana, poi se mi dici che i vini buoni sono altri io ci credo, e mi rimetto alla tua esperienza, anzi sarei felice se mi dicessi un paio di etichette su cui puntare. a presto

Il Turriga !! gran vino Mirko , l’ho bevuto 2 anni fa’ in Sardegna e mi e’ rimasto nel cuore,
noi l’avevamo pagato una 70ina di euro… Sono tanti ma non ci siamo pentiti di averli spesi. E poi Bufa cos’avrebbe da dire su i vini di Tachis ??? Credo che sarebbe il sogno
di ogni cantina avere un Tachis a intrugliare i vini… sul fatto di milioni di vini migliori del Turriga …mah sara’ a me non capita spesso di bere tanto di meglio in giro..
Ciao a tutti !!

Ciao a tutti, scusate ma il Sassicaia non l’aveva inventato il marchese DELLA ROCCHETTA ???
vabe’ comunque il Turriga piace un sacco anche a me anche se come dice il Bufa si puo’ spendere meno e godere uguale..

cari ragazzi miei il marketing è una cosa…il vino è filosofia…non andate dietro alle etichette….il vino più buono è quello che piace a voi…ma attenzione degustato alla cieca…altrimenti siete condizionati dall’etichetta…vi aspetto tutti da me qnd volete per assaggiare tantivini ben fatti a prezzi giusti

Questa cosa della filosofia mi piace, ma il turriga ma fa godere anche senza etichetta..
comunque se mi dite cosa e’ “vi aspetto tutti da me qnd volete per assaggiare tantivini ben fatti a prezzi giusti” io ci vengo, cos’hai un’enoteca ??

Massi sei sempre il solito casinista……………Cmq, il discorso di Bufalini è giusto, però secondo il mio modesto parere in questo caso, cioè il Turriga, il soldi sono spesi bene perchè è veramente un ottimo vino e anche se nei 55/60€ c’è compreso anche il “nome”, sono sicuro che difficilmente qualcuno può lamentarsi dopo averlo bevuto.Però un piccolo appunto te lo voglio fare……….cioè secondo me non c’è una regola secondo la quale prima di arrivare a stappare certe “bocce” bisogna prima aver bevuto tante altre con rapporto qualità/prezzo migliore, secondo me ad ogni occasione bisogna abbinare la giusta bottiglia, cioè mi stà bene la bottiglia che magari costa € 20,00 e rende per € 30,00 bevuta nella giusta occasione però se fai una bella cena che sia al ristorante o a casa allora secondo il mio gusto, ci vuole una bottiglia “interessante”, questo però è il mio parere e come dice giustamente Massi, il vino è gusto personale ed ognuno è libero di fare come vuole, l’importante è bere bere e bere!!!!!!!!

Ciao a tutti , un po’ di polemica non guasta mai , scatena sempre delle discussioni interessanti. Non a tutti puo’ piacere lo stesso vino quindi ogni opinione e’ rispettabile; mio babbo beve solo vino del contadino , se gli facessi bere una boccia di Turriga me la tirerebbe dietro !!! Per qunato mi riguarda trovo il Turriga un grandissimo vino, e il prezzo vi assicuro che puo’ essere anche piu’ basso di 50 euro, io lo trovo a 40/45 ..

Posso aggiungere che nel Turriga c’è anche della Malvasia che fa tanto nel profumo?
Vino spettacolare…. e la 2005 grande annata….

Certo che puoi!! Grazie per la precisazione, nel resto d’Italia non e’ proprio un’annata da ricordare ma in Sardegna sembra proprio che la 2005 sia andata alla grande , grazie ancora e a presto

Non ci fanno impazzire di gioia le pubblicita’ sul nostro blog, ma quando vedo “turriga 35 euro” ben venga anche la pubblicita’. Ciao e a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.